CHE COSA È LA MUSICOTERAPIA?

La musicoterapia è una modalità di approccio alla persona che utilizza la musica o il suono come strumento di comunicazione non-verbale, per intervenire a livello educativo (linguaggio musicale) e riabilitativo/terapeutico (musicoterapia), in una varietà di condizioni patologiche e parafisiologiche.

L’applicazione pratica può essere estesa a soggetti di ogni età, dimostrando di essere una tecnica notevolmente valida per migliorare la qualità di vita delle persone.

 

 

Si distinguono due procedimenti fondamentali:

  1. Recettivo: consiste nell’ascolto di messaggi sonori, ritmici e musicali scelti nell’ambito della letteratura musicale o tratti da particolari e significative situazioni sonoro-ambientali, oppure confezionati ad hoc dal musico terapeuta durante la preparazione delle sedute o in tempo reale (improvvisazione).

  2. Attivo: Il procedimento attivo consiste, invece, nel fare concretamente musica utilizzando strumenti musicali, oggetti, parti del corpo, in espressioni individuali o di gruppo. Secondo questo modello la musicoterapia è una tecnica psicoterapeutica che produce un vincolo di relazione tra specialista e gruppo, utilizzando il corpo, gli strumenti musicali, e naturalmente il suono.


Esistono diverse sfere d’intervento nella musicoterapia:
  1. La sfera relazionale, che comprende i casi in cui è necessario motivare, stimolare e sostenere atteggiamenti di carattere affettivo ed emozionale, tali da impedire una normale vita di comunicazione e di relazione sociale.

  2. La sfera motoria, dove l’intervento mira a stimolare e sostenere il movimento dal punto di vista funzionale ed espressivo.

  3. La sfera verbale, dove l’intervento tende a motivare, stimolare e attivare l’espressione verbale sia dal punto di vista ritmico e che da quello fonetico.

  4. La sfera sensoriale, in cui si interviene per specializzare e qualificare il residuo uditivo utilizzando la via tattile, viscerale e ossea.



IL MODELLO BENENZON

Le metodologie applicate dai musico terapisti di Verde Partner sono basate sul modello di Rolando Omar Benenzon, musicista e psichiatra nato a Buenos Aires nel 1939, che presenta la musicoterapia come una disciplina scientifica che ha lo scopo d’istaurare una relazione terapeutica stabile con il paziente attraverso uno schema triadico, corporeo-sonoro-musicale.

Secondo questo modello la musicoterapia è una tecnica che produce un vincolo di relazione tra specialista e paziente/gruppo, utilizzando il corpo, gli strumenti musicali, e naturalmente il suono.

Gli obiettivi sono: la riabilitazione, il reinserimento sociale, lo stimolo delle capacità intellettive, il supporto psicologico e lo sviluppo delle attitudini socio-relazionali, che contribuiscono al miglioramento della qualità di vita.